esami int sosp giud

Formazione Ambito 9

neoassunti

PON logo

 

Comunicato nr. 26              Pieve di Cadore, 24 ottobre 2017

                                            Ai Signori DOCENTI

                                            TUTTE LE SEDI

                                            CON CARICO DI FIRMA


OGGETTO: Principali norme di servizio per i docenti.

Si ricordano alcune norme di servizio attuative della vigente normativa (CCNL e Contratto Integrativo d’Istituto) alle quali è indispensabile attenersi per la piena funzionalità dell’attività didattica.

MODALITÀ ASSENZE

Autorizzazioni assenze
Per la richiesta di permessi retribuiti – ferie, devono essere compilati i relativi moduli, disponibili nelle diverse sedi, ovvero nel sito di questo Istituto al link “Modulistica”, e farli pervenire al Dirigente Scolastico, previa presentazione al Coordinatore di sede, almeno 3 giorni lavorativi prima dell’evento. In caso di non concessione di quanto richiesto il personale sarà tempestivamente avvisato.

Assenze per malattia
L’assenza per malattia improvvisa deve essere comunicata ai Coordinatori di sede tempestivamente (entro l’inizio delle lezioni della giornata stessa) e alla Segreteria centrale – Ufficio Personale.
La malattia deve essere giustificata da certificato medico anche per un solo giorno.
Il Dipendente che durante l’assenza, per particolari motivi, dimori in luogo diverso da quello di residenza o del domicilio dichiarato all’Amministrazione, deve darne preventiva comunicazione, precisando l’indirizzo dove può essere reperito.
Sono tenuti ad avvertire direttamente quest’Istituto anche i docenti che operino in più scuole.
Il docente che intende riprendere servizio prima della scadenza dei giorni assegnati nel certificato medico, deve presentare un nuovo certificato con l’indicazione dei giorni effettivi di malattia.
Al termine della malattia i docenti sono tenuti a riprendere il servizio, e, se in giorno libero, a comunicare alla Presidenza la loro disponibilità e ad informarsi su eventuali impegni.
L’assenza per visita medica o esami clinici si può far rientrare, a scelta del docente, tra i permessi indicati al punto successivo o tra le assenze per malattia; nel primo caso va seguita la procedura di sotto indicata; nel secondo caso, la richiesta, da presentare comunque almeno tre giorni prima della giornata richiesta (salvo comprovato motivo di urgenza), va documentata.

Permessi per docenti (presentare la domanda almeno 3 giorni prima)
Al dipendente con contratto di lavoro a tempo indeterminato sono concessi sulla base di idonea documentazione, permessi per i seguenti casi:
- Partecipazione a concorsi o esami: giorni 8 retribuiti per anno scolastico, compresi quelli eventualmente richiesti per il viaggio;
- Lutti per la perdita del coniuge, di parenti entro il secondo grado ed affini di primo grado: giorni 3 retribuiti per evento.
- Motivi personali o familiari debitamente documentati: giorni 3 retribuiti nell’anno scolastico.
- Attività di formazione e di aggiornamento: Il personale docente può usufruire dell’esonero dal servizio fino ad un massimo di 5 giorni retribuiti nel corso dell’anno scolastico per la partecipazione a iniziative di aggiornamento riconosciute dall’Amministrazione.
Il personale che partecipa ai corsi di formazione organizzati dall’Amministrazione a livello centrale o periferico o dall’istituzione scolastica di appartenenza è considerato in servizio a tutti gli effetti.

Al dipendente con contratto di lavoro a tempo determinato sono concessi sulla base di idonea documentazione, permessi per i seguenti casi:
- Partecipazione a concorsi o esami: giorni 8 non retribuiti per anno scolastico, compresi quelli eventualmente richiesti per il viaggio;
- Lutti per la perdita del coniuge, di parenti entro il secondo grado ed affini di primo grado: giorni 3 retribuiti per evento.
- Motivi personali o familiari debitamente documentati: giorni 6 non retribuiti nell’anno scolastico.
- Attività di formazione e di aggiornamento: Il personale docente può usufruire dell’esonero dal servizio fino ad un massimo di 5 giorni retribuiti nel corso dell’anno scolastico per la partecipazione a iniziative di aggiornamento riconosciute dall’Amministrazione.
Il personale che partecipa ai corsi di formazione organizzati dall’Amministrazione a livello centrale o periferico o dall’istituzione scolastica di appartenenza è considerato in servizio a tutti gli effetti.

Assemblee sindacali
La partecipazione alle assemblee sindacali (fino a 10 ore in un anno scolastico) va confermata per iscritto (segnando l’eventuale adesione entro il termine indicato di volta in volta nel comunicato informativo dell’assemblea predisposto dalla Segreteria).

Assenze dagli impegni collegiali
Devono essere autorizzati dal D.S.
Tutti i Docenti con orario ridotto, part-time o su molte classi, sono tenuti a concordare con il Dirigente Scolastico un piano di partecipazione agli impegni collegiali al fine di ottimizzare la presenza.

Permessi brevi
Compatibilmente con le esigenze di servizio possono essere concessi, per particolare esigenza personale e a domanda, brevi permessi di durata non superiore alla metà dell’orario giornaliero individuale di servizio e, comunque, fino ad un massimo di due ore nella giornata, nel limite complessivo annuale pari alle ore settimanali d’insegnamento.
Entro i due mesi lavorativi successivi a quello di fruizione del permesso, il dipendente è tenuto a recuperare le ore non lavorate in una o più soluzioni, su richiesta dell’amministrazione, in relazione alle esigenze di servizio.
La concessione dei permessi è subordinata dalla possibilità della sostituzione con personale in servizio.

Supplenze brevi
Verranno utilizzati, in ordine di priorità, 1) docenti a disposizione, 2) recuperi permessi brevi, 3) docenti disponibili alla supplenza a pagamento, 4) docenti in compresenza.

Ferie
Il personale con anzianità di servizio maggiore ai tre anni ha diritto, annualmente, a 32 giorni lavorativi di ferie e a 4 festività soppresse, mentre i docenti con anzianità inferiore a tre anni, hanno diritto a 30 giorni e a 4 festività soppresse.
Durante il periodo dell'attività didattica è consentita la richiesta di ferie per un periodo non superiore a 6 giornate lavorative. La fruibilità dei predetti sei giorni è subordinata alla possibilità di sostituire il personale che se ne avvale con altro personale in servizio nella stessa sede e, comunque, alla condizione che non vengano a determinarsi oneri aggiuntivi. Il docente è tenuto a compilare l'apposito modulo di richiesta di ferie, indicando per ogni ora il nome del docente che lo sostituisce, a titolo gratuito, con relativa firma di accettazione (per la sostituzione non possono essere utilizzate le ore a disposizione), fatto salvo quanto riportato al comma 2 art. 15 del contratto nazionale di lavoro che consente la fruizione di 6 giorni di ferie per motivi personali documentati (come previsto per i tre giorni di permesso).

OBBLIGHI DI SERVIZIO

Presenza puntuale all'inizio dell'ora di lezione
Ogni docente è tenuto ad essere presente in Istituto, 5 minuti prima dell'inizio della lezione, fin dalla prima ora.
In ogni caso, a partire dagli obblighi contrattuali, si ricorda la responsabilità anche penale che grava sul docente non presente nella propria ora di lezione in caso di infortunio ad uno studente.

Registro di classe e registro personale:
In ogni plesso dell’Istituto è attivata la modalità on-line sia per il registro di classe sia per il registro personale. In ogni aula è disponibile un computer. I docenti sono tenuti ad aggiornare tale registro di classe con la propria firma e la registrazione delle giustificazioni per assenza, entrate posticipate e uscite anticipate. Nel registro vanno indicati anche la descrizione della lezione svolta, i compiti assegnati e le eventuali annotazioni sugli alunni. Queste ultime dovranno essere riportate sul libretto personale dello studente e controfirmate dai genitori. I docenti sono tenuti, inoltre, a segnalare sul registro le comunicazioni di servizio lette o dettate, in particolare le modifiche di orario. Ogni annotazione andrà riportata in forma sintetica, ma precisa.
Le lezioni tenute in ambiente diverso dall’aula normalmente assegnata alla classe vanno comunque riportate nel registro di classe, specificando dove vengono svolte.
NB: consultando il registro di classe, deve sempre essere possibile sapere dove si trovano gli allievi durante le ore di lezione.
Il registro personale va compilato giornalmente e con cura.


Verifiche:
Tutte le verifiche scritte, per le quali è prevista la valutazione scritto/grafica, possono essere consegnate in copia allo studente qualora questi lo richieda e comunque vanno sempre spiegati e illustrati gli errori eventualmente riscontrati.
Le valutazioni vanno riportate sul registro con tempestività (in tempo reale per la prova orale, entro 10 gg. per quella scritta) e comunicate allo studente e alle famiglie mediante lo strumento elettronico “scuolanext” messo a disposizione dalla scuola, secondo le norme di tutela della privacy previste dalla legge;

Non presenza in classe degli studenti:
In assenza della propria classe impegnata in attività didattiche organizzate dall’Istituto, l’orario dei docenti tenuti a svolgere il proprio normale orario di servizio, potrà essere modificato dai Coordinatori di Sede in base alle esigenze di servizio. Durante l'intervallo gli studenti non devono rimanere in aula; il docente, indicato in orario, è tenuto infatti a garantire la vigilanza in tutto il piano o l’area assegnatigli.

Orario delle lezioni:
I docenti sono tenuti al rispetto rigoroso dell’orario delle lezioni e alla dislocazione delle attività in esso previste; ogni variazione che si rendesse necessaria per esigenze didattiche va concordata con il Dirigente Scolastico o suo delegato, per verificarne l’attuabilità organizzativa e per una tempestiva comunicazione agli studenti.

Responsabilità:
si ribadisce che il docente è sempre responsabile, dall’inizio dell’ora, degli studenti minorenni a lui affidati (art. 2048 C. Civile). Questo riguarda tutto il tempo scuola e il tempo di durata di tutte le attività extracurriculari a scuola o in ambito extrascolastico.

Attivazione archivio informatico documentazione didattica:
I docenti sono tenuti ad inviare al seguente indirizzo di posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. i seguenti documenti:

- Verbali dei Collegi di sede;
- Verbali dei Dipartimenti;
- Verbali dei Consigli di Classe;
- Programmazione di classe;
- Programmazione disciplinare preventiva;
- Programma e relazione consuntivi.
- Verbali del collegio docenti
- Verbali del Consiglio d’Istituto
- Verbali della Giunta Esecutiva
- Verbali delle Commissioni

Accoglienza e vigilanza degli alunni:
Si raccomanda inoltre:
a. un’attenta vigilanza e la puntualità in alcuni momenti delicati come il cambio d’ora, l’intervallo, l’inizio e la fine delle ore di educazione fisica, ecc.;
b. il rispetto dei turni di vigilanza durante gli intervalli;
c. la tempestività degli spostamenti per il cambio di classe al termine di ogni ora. Lo spostamento degli studenti dall'aula di laboratorio e viceversa deve avvenire con la vigilanza del docente ed, in caso di necessità, avvalendosi del personale ATA.
d. che gli studenti lascino aule e laboratori con ordine, in modo particolare alla fine delle lezioni.

ALTRE NORME

Lezioni private:
è consentito svolgere lezioni private solo previa comunicazione al Dirigente Scolastico con l'indicazione dei nominativi degli alunni. È vietato impartire lezioni private agli alunni dell'Istituto in cui si insegna. L'insegnamento in altre scuole, sotto qualsiasi forma, deve essere autorizzato dal D.S.

Cumulo di impieghi:
La materia della incompatibilità dei pubblici dipendenti è regolata, in via generale, dall’art. 53 del D.lgs. 165 del 2001, il quale, al primo comma, prevede che resta ferma per tutti i dipendenti pubblici la disciplina delle incompatibilità dettata dagli articoli 60 e seguenti del d.P.R. 10 gennaio 1957, n. 3.
Per poter svolgere attività ed incarichi extraistituzionali è necessaria l'autorizzazione del dirigente scolastico (cfr. art. 53 del D.lgs. n. 165 del 2001). A meno che non si tratti di personale in part time con prestazione lavorativa non superiore al 50%, i presupposti per il conferimento di incarichi extraistituzionali a dipendenti pubblici sono: l'occasionalità, la saltuarietà, la mancanza di conflitto di interessi anche potenziale, la compatibilità dell’impegno lavorativo derivante dall’incarico con l’attività lavorativa di servizio cui il dipendente è addetto tale da non pregiudicarne il regolare svolgimento, con la ulteriore precisazione che l’attività deve essere svolta necessariamente al di fuori dell’orario di servizio (cfr. Circolare Funzione Pubblica 3 del 1997; Parere Funzione Pubblica 24 gennaio 2012, n. 1).
La richiesta di autorizzazione deve essere fatta su apposito moduli disponibile in segreteria amministrativa o sul sito dell’Istituto.
Ai Docenti è consentito l'esercizio della libera professione quando non pregiudichi l'assolvimento delle attività inerenti alla funzione docente, che rimane comunque prevalente, e previa autorizzazione del dirigente scolastico, su richiesta scritta, compilando l'apposito modulo disponibile in segreteria amministrativa o sul sito dell’Istituto. Tale autorizzazione è soggetta a revoca in caso di inadempienza ai doveri professionali.

Domicilio:
i docenti che non sono residenti nella Regione in cui prestano servizio sono tenuti a comunicare in segreteria l'indirizzo presso il quale hanno il domicilio e l’U.S.L. di appartenenza.

 


                                             F.to IL DIRIGENTE SCOLASTICO
                                                             (Mara De Lotto)

 

 

Indietro